“Sacro e profano – Inferno”, Mirka Andolfo

Titolo: Sacro/profano – Inferno
Autore: Mirka Andolfo
Illustratore: Mirka Andolfo
Editore: Dentiblù Edizioni
Collana: Dentiblù Humour
Genere: fumetti
Formato: copertina rigida
ISBN: 978-8889786437
Anno: 2013
Pagine: 64
Link all’acquisto

Questo fumetto è stato una piacevolissima scoperta! Mi è capitato tra le mani alla fiera Cartoomics di Milano e ho immediatamente deciso che dovevo leggerlo!

Gli episodi del volume trattano le vicende amorose di Angelina, delicata e ingenua fanciulla particolarmente dotata fisicamente, e Damiano, del quale potremmo dire che “pensa solo a quello”. La storia ha inizio con il tentativo da parte di Damiano di ottenere i favori della bella Angelina; la giovane, però, non è disposta a concedersi se non dopo il matrimonio! Un approccio che voleva essere puramente a scopo sessuale si trasforma inaspettatamente in una storia d’amore “in bianco”. Seguiamo con un sorriso le acrobazie di Damiano, che cerca disperatamente di aggirare le remore di Angelina, e le meravigliose ingenuità della ragazza, che davvero vive in un candido mondo di micetti e peluches. Imperdibile!

Veniamo subito ai punti forti di questo fumetto.
Le vignette di Mirka Andolfo sono brillanti e divertenti, brevi (una pagina per ogni episodio) e proprio per questo ancora più godibili; si lasciano pilluccare una per una, piccoli premi quotidiani per regalarsi una risata, o tutte d’un fiato perché non si riesce a staccarsene! Nonostante le continue allusioni sessuali (neanche tanto velate) non si scade mai nel volgare, si riesce davvero ad accogliere con piacere ogni pagina.

I personaggi sono caratterizzati davvero benissimo;  pur essendo a tratti inverosimili riescono a rispecchiare alla perfezione stereotipi e luoghi comuni della nostra società, soprattutto nell’ambito della vita di coppia. La loro psicologia è semplice e proprio per questo piacevole da seguire: si sa cosa aspettarsi da loro ed è divertente quando accade di rimanere spiazzati da un evento o da una risposta salace.

I disegni sono belli, simpatici e molto accattivanti, viene proprio voglia di guardarli. I colori sono accesi e vivaci, adeguati alle vignette. Nel complesso, insomma, un gran bel lavoro!

Ho pensato a quali potrebbero essere le debolezze di “Sacro/profano”, ma non mi viene in mente nulla. Se desideri leggere qualcosa di divertente e leggero, se non ti lasci scandalizzare da qualche battutina piccante e, soprattutto, se non t’imbarazzano vignette rappresentanti seni spropositati, questo fumetto fa al caso tuo. 😉

“Inferno” è il primo volume di una trilogia; gli altri due sono, neanche a dirlo, “Purgatorio” e “Paradiso”. Stando alla responsabile dello stand della casa editrice Dentiblù, con la quale ho parlato alla fiera, “Inferno” è autoconclusivo, perciò la lettura dei volumi successivi non è necessaria. Una volta attaccato “Purgatorio”, invece, non si può fare a meno di leggere “Paradiso”, ma non ho capito se sia perché il finale del secondo libro rimane aperto o piuttosto perché ci si appassiona troppo alla storia e non si può fare a meno di proseguire!

Da parte mia non intendo perdermi gli altri albi della serie, perciò resta pure in attesa di ulteriori ragguagli su “Sacro/profano”. 😉

Con un sorriso,
Antonella Arietano