Libri per bambini e ragazzi
Young Adult
Romanzi per adulti
Blogroll

Articoli marcati con tag ‘Libri per ragazzi’

PostHeaderIcon Cronache scolastiche – una giovane reporter alle medie, Grazia Ciavarella

Cronache scolastiche - una giovane reporter alle medie

Cronache scolastiche - una giovane reporter alle medie

Titolo: Cronache Scolastiche – Una giovane reporter alle medie
Autore: Grazia Ciavarella
Editore: Chichili Agency Italia
Genere: narrativa per ragazzi
Formato: elettronico
ASIN: BOOA8KDG7G
Anno: 2012
Pagine: 42
Lo trovi su Amazon!

Ho ricevuto segnalazione di una nuova serie per ragazze pubblicata da Chichili Agency Italia, divisione italiana della casa editrice tedesca digitale che in Germania gode di un certo successo. Gli ebook pubblicati da Chichili presentano due caratteristiche fondamentali: sono seriali e sono brevi. L’ideale per ritagliarsi piccoli, graditi spazi di lettura… al costo di un caffé.

Questo ebook in particolare tratta le avventure di Serena, giovane studentessa dell’Istituto Dante Alighieri e brillante reporter del giornalino scolastico. La sua attività giornalistica desta l’invidia di Viola, sua compagna di classe. Desiderosa di essere al centro dell’attenzione, Viola si impegnerà in ogni modo per mettere Serena in difficoltà e incrinare la sua immagine agli occhi dell’intera scuola.
Preziosa alleata per Serena si rivelerà essere Mara, la sua compagna di banco, che riuscirà ad architettare un piano strategico allo scopo di zittire “La Diva” una volta per tutte. Obiettivo: riuscire a scoprire quale sia il tallone d’Achille di Viola, per poi usarlo a proprio vantaggio…

Laureata in Scienze Giuridiche, Grazia Ciavarella collabora con diversi portali di cultura e spettacolo e amministra il blog Young Adult lit, dedicato ai libri per giovani e ragazzi. ”Una giovane reporter alle medie” è il primo episodio della serie di ebook per ragazze “Cronache Scolastiche”;  se ti va puoi dare un’occhiata al sito ufficiale.

Il blog personale di Grazia Ciavarella è Imbrattacarte sconclusionata.

Puoi trovare “Cronache scolastiche” su molti siti internet, tra cui Amazon e Kobo.

Buona lettura!

Antonella Arietano

Post to Twitter Post to Facebook

PostHeaderIcon L’ultima possibilità, Seita Parkkola

L'ultima possibilità

L'ultima possibilità

Un libro che si può riassumere in un’unica parola: riuscito.
“L’ultima possibilità” è un romanzo per ragazzi dai 12 anni in su, fresco e frizzante, scritto molto bene e dai contenuti decisamente interessanti. Una lettura moderna e scorrevole, che mi ha davvero inchiodata alle pagine; un viaggio attraverso un mondo abilmente inventato dall’autrice all’interno di una città reale, dei giorni nostri. Il passaggio dall’adolescenza all’età adulta, tema che nella letteratura per ragazzi è sempre sulla cresta dell’onda, viene affrontato con molto tatto, e allo stesso tempo con decisione. Il protagonista del libro, Borea, si ritrova a dover difendere non solo sé stesso, ma anche e soprattutto i suoi sogni e il suo futuro. Di nuovo, i ragazzi si ritrovano a lottare contro adulti inariditi che sembrano volerli depredare del loro avvenire. E bisogna dire che Seita Parkkola è riuscita a creare un mosaico perfetto, intrecciando l’ avventura e il mistero, e regalandoci una lettura piacevolissima, ben scritta e mai difficile o pesante. Leggi il resto di questo articolo »

Post to Twitter Post to Facebook

PostHeaderIcon L’evoluzione di Calpurnia, Jacqueline Kelly

L'evoluzione di Calpurnia

L'evoluzione di Calpurnia

“L’evoluzione di Calpurnia” è uno dei romanzi più belli che abbia letto ultimamente. Il mondo descritto da Jacqueline Kelly, così particolareggiato, familiare, casalingo, risulta piacevole e divertente da scoprire, pagina dopo pagina. I personaggi sono incredibilmente vividi e reali, ci si affeziona a loro senza fatica, quasi immediatamente. Un libro davvero ben scritto, una trama molto ben congegnata, scorrevole e mai scontata. Che dire, da leggere assolutamente! Consigliatissimo a tutti i ragazzi dai 12 anni in su.

La storia di Calpurnia, unica femmina tra sette figli, comincia nell’estate del 1899, quando decide di voler fare la naturalista. Non che la ragazzina sappia esattamente che cosa sia una naturalista… In questo le sarà molto utile il nonno, un anziano signore molto riservato, per lo più nascosto nel suo laboratorio nel quale si dedica a molteplici esperimenti. Il nonno inizia a condividere il suo amore per la scienza e la natura con la nipotina, e i due si trasformeranno ben presto in un’autentica squadra.

Calpurnia però è una femmina, e vive in un mondo e in un’epoca in cui le bambine hanno un futuro già ben definito sin dalla nascita: cucire, lavorare a maglia, cucinare e creare una famiglia da accudire e gestire. Lei però non ci sta: vuole diventare una scienziata! Sarà possibile? Leggi il resto di questo articolo »

Post to Twitter Post to Facebook

PostHeaderIcon Bologna Children’s Bookfair – tendenze nella letteratura per ragazzi

I bambini e i ragazzi dovrebbero riscoprire l'amore per la lettura...

I bambini e i ragazzi dovrebbero riscoprire l'amore per la lettura...

 Come già anticipato nell’articolo precedente vorrei riportare alcuni appunti raccolti nel corso della tavola rotonda “L’anno che verrà – trend, scelte e sorprese della narrativa per ragazzi”, tenutasi nel contesto della Fiera del Libro per Ragazzi di Bologna di due settimane fa; l’obiettivo è quello di fornire un piccolo quadro di quelle che sono le attuali tendenze della letteratura per i più giovani, sperando di fare cosa gradita per tutti gli aspiranti scrittori come la sottoscritta. ;)

Per cominciare vorrei citare i nomi delle persone che hanno moderato la tavola rotonda, partecipando con le loro esperienze e i risultati delle loro ricerche: Anna Antoniazzi, ricercatrice della Facoltà di Scienze della Formazione all’ Università di Bologna, Roberto Denti, fondatore e “anima” della Libreria dei ragazzi di Milano, Guido Sgardoli, autore di libri per ragazzi (“Frozen Boy”, Edizioni San Paolo, è il suo ultimo libro) e Paolo Duranti, managing director Southern Europe Nielsen Media, che si è occupato di illustrare la ricerca di mercato di cui ho parlato nel post precedente.

Anna Antoniazzi ha esordito fornendo una traccia molto chiara su ciò che si riscontra con una certa frequenza nelle produzioni letterarie per ragazzi: la ricerca di una nuova utopia, un nuovo sogno. I giovani protagonisti dei libri di oggi come di ieri cercano in qualche modo di sopravvivere all’incombente “calamità dell’età adulta”. Leggi il resto di questo articolo »

Post to Twitter Post to Facebook

PostHeaderIcon La fiera del libro per ragazzi di Bologna – Bologna Children’s Bookfair

BolognaBookFairIeri mattina sono partita alla volta di Bologna per visitare la Fiera del Libro per Ragazzi: obiettivo numero uno, partecipare alla tavola rotonda organizzata dalle Edizioni S.Paolo, dal tema “L’anno che verrà – trend, scelte e sorprese della narrativa per ragazzi”, durante la quale sarebbe stato presentato il nuovo libro di Guido Sgardoli “The Frozen Boy” (che ho recensito in anteprima la scorsa settimana); obiettivo numero due, immergermi per una giornata nel mondo dei libri per bambini e ragazzi, che mi affascina particolarmente.

Devo dire che la Fiera era assolutamente magnifica! Non esagero se dico che nello spazio di alcuni capannoni c’era tutto il mondo, perché difatti era proprio così: l’editoria mondiale riunita per presentarsi, farsi conoscere, promuoversi. Uno spettacolo colorato, magico e, a mio avviso, ricco di ottimismo e positività.

La tavola rotonda è stata molto interessante, ho raccolto alcuni spunti e riflessioni molto importanti per la mia formazione in qualità di scrittrice, e non è poco! Leggi il resto di questo articolo »

Post to Twitter Post to Facebook

PostHeaderIcon The Frozen Boy, Guido Sgardoli

 

The Frozen Boy

The Frozen Boy

“The Frozen Boy” è una storia incredibilmente tenera e toccante, raccontata con toni delicati; Sgardoli riesce ad essere sempre misurato ed efficace, senza mai cedere al dramma, nonstante la vicenda sia caratterizzata da alcuni momenti emotivamente forti. Un romanzo che può strappare qualche lacrima, ve lo assicuro, capace anche di donare messaggi di grande spessore.

Il libro inizia in Groenlandia, nel 1946. Robert Warren, fisico statunitense, si ritrova confinato in una base militare, braccato dai suoi incubi: ha contribuito a costruire l’ordigno nucleare che in pochi minuti ha spazzato via migliaia di innocenti a Hiroshima e Nagasaki, e ha perso un figlio rimasto ucciso nel grande conflitto mondiale dal quale si sta uscendo a fatica. Warren vorrebbe farla finita, così da placare il proprio dolore e perdersi una volta per tutte nell’oblio; ma qualcosa gli impedisce di gettarsi dalla banchisa, come stava per fare… Un luccichio, giù, in mezzo alle onde che si infrangono sulla riva ghiacciata. Ed ecco che Bob fa una scoperta incredibile: il corpo di un bambino intrappolato nel ghiaccio.

La cosa più strabiliante è che questo ragazzino, una volta scioltosi il ghiaccio che lo avvolge e lo imprigiona, riprende a respirare, come se fino a quel momento stesse solo dormendo. Infine si risveglia, e a quel punto le domande si fanno più pressanti: chi è? Da dove viene? Da quanto tempo stava intrappolato nella gelida morsa della banchisa? Leggi il resto di questo articolo »

Post to Twitter Post to Facebook

PostHeaderIcon Il figlio del cimitero, Neil Gaiman

il_figlio_del_cimitero

Il figlio del cimitero

Quello dipinto da Gaiman in questo romanzo per ragazzi è un mondo surreale, eppure talmente vero da indurre il lettore a credere nella sua esistenza. L’autore rappresenta con abilità e poesia l’altra faccia della medaglia: il mondo dei morti in contrapposizione a quello dei vivi. Il risultato è un meraviglioso inno alla vita, che permette di lanciare uno sguardo diverso all’aldilà, senza limitarsi all’idea dei defunti che si aggirano tra i vivi come figure evanescenti, soprattutto senza cadere nella trappola del binomio Paradiso/Inferno.

Un libro davvero ben scritto, scorrevole, poetico, capace di trattare in maniera delicata un tema difficile, ovvero la morte, senza scadere in luoghi comuni e senza dare l’impressione di voler offrire una visione univoca e troppo fiabesca. Il tono di Gaiman è sempre rispettoso nei confronti di un mondo che tutto sommato si presenta come parallelo al nostro, così vicino eppure terribilmente lontano.

Tutto ha inizio con un orribile omicidio: un uomo misterioso s’introduce in una casa e uccide due genitori e la loro figlioletta. Il secondogenito, un bimbo di circa un anno, miracolosamente riesce a fuggire e trova rifugio in un cimitero, dove viene adottato da una coppia di anime che in vita avrebbero tanto voluto avere un figlio. Al piccino, che viene ribattezzato Nobody (ovvero Nessuno), viene concessa la cittadinanza onoraria del cimitero. Il suo tutore, Silas, un misterioso personaggio dalle indecifrabili origini, si assume il compito di occuparsi di lui e provvedere alle sue necessità di essere vivente, giacché è l’unico in grado di uscire dai cancelli del cimitero. Leggi il resto di questo articolo »

Post to Twitter Post to Facebook

PostHeaderIcon Timothée de Fombelle: il “papà” di Vango

Timothée de Fombelle

Timothée de Fombelle

Lunedì 24 gennaio ho avuto il grande piacere di partecipare alla presentazione del romanzo “Vango – tra cielo e terra” di Timothée de Fombelle, presso la Libreria dei Ragazzi di Milano. È stata un’avvenura unica! In poche ore ho raccolto impressioni, emozioni e consigli di valore inestimabile! Un bel modo di iniziare l’anno! :)

Ho scritto poco tempo fa la recensione di questo magnifico romanzo d’avventura, che ho avuto la gioia di leggere in anteprima; l’uscita ufficiale è prevista per il 20 febbraio 2011. In Francia è stato un vero e proprio successo: 50000 copie vendute in pochi mesi, critiche entusiaste, una schiera di fans in attesa del secondo (ed ultimo) volume, la cui uscita è prevista per l’autunno (in Italia nel 2012). Il giovane protagonista, Vango, ha attirato le simpatie di migliaia di lettori, fino ad essere addirittura paragonato ad Edmond Dantès, alias Conte di Montecristo, anche lui gettato nel corso di eventi avventurosi e inarrestabili, seguendo il filo rosso del proprio destino.

È stato bellissimo ascoltare l’autore di questo capolavoro, Timothée de Fombelle, mentre parlava del suo romanzo e dei suoi personaggi, senza risparmiarsi, senza trattenere nulla, preso dal piacere di condividere con noi lettori questa fetta del suo mondo. Pubblicherò diversi articoli riguardanti questo straordinario scrittore e la sua ultima opera su Libri e Sorrisi, nell’attesa che tutti possano leggere “Vango” e perdersi nel fascino di una narrazione viva e brillante, quasi cinematografica. Spero che l’amerai quanto me! ;) Nel frattempo puoi dare un’occhiata al sito www.leavventuredivango.it: è molto ben fatto ed è curatissimo, troverai molte notizie interessanti sul libro, ma anche sullo scrittore. Ne vale la pena! Leggi il resto di questo articolo »

Post to Twitter Post to Facebook

PostHeaderIcon Vango – tra cielo e terra, Timothée De Fombelle

Vango - tra cielo e terra

Vango - tra cielo e terra

“Vango – tra cielo e terra” non è solo un libro per ragazzi: è anche un avvincente romanzo d’avventura, e come tale può risultare una piacevole lettura anche per gli adulti. Sono rimasta molto colpita da quest’opera, che mi ha catturata dalle prime pagine: ben scritta, uno stile fresco e incalzante, poetico quanto basta, ironico al momento giusto, con una corretta dose di sarcasmo che certo non guasta. Insomma, una lettura di qualità!

Ho avuto il piacere di leggere questo romanzo in anteprima; l’uscita nelle librerie è prevista per febbraio 2011.

Vango è un ragazzo di 19 anni le cui origini sono avvolte nel mistero; amorevolmente cresciuto sull’isola di Pollara dalla sua nutrice, Mademoiselle, ha imparato l’arte di arrampicarsi agilmente dove nessun  altro essere umano riuscirebbe a farsi strada, facendo esercizio sulle ripidi pareti rocciose dell’isola. Spinto da un suo buon amico, Zefiro, fondatore di un monastero sull’isola di Alicudi, il giovane Vango a 13 anni parte per vedere che cosa c’è oltre le mura di casa sua, nel mondo.
Noi incrociamo il protagonista della storia nell’aprile del 1934, mentre sta per essere ordinato sacerdote, di fronte a Nôtre-Dame di Parigi; la cerimonia viene però bruscamente interrotta dall’arrivo della polizia, che intende arrestarlo per l’omicidio di padre Jean, suo mentore nel seminario parigino dove ha studiato.

Inizia così la fuga di Vango, che sa di essere perseguitato da qualcuno che lo vorrebbe morto, ma non è mai riuscito a capire chi e perché. Forse nel suo passato c’è molto più di quanto lui stesso possa immaginare… Leggi il resto di questo articolo »

Post to Twitter Post to Facebook

PostHeaderIcon Trilli e la bacchetta magica, Gail Carson levine

Trilli e la bacchetta magica

Trilli e la bacchetta magica

Questo è il secondo libro ispirato alle fate dell’Isolachenoncé scritto da Gail Carson Levine. Su Libri e Sorrisi ho parlato anche del primo, “Trilli e l’isola delle fate“, che avevo apprezzato moltissimo; ”Trilli e la bacchetta magica” è il seguito di quel primo volume.

La radura delle Fate è in grave pericolo. Come certamente saprai se hai letto il primo libro, la sirena Soop aveva donato alla piccola Rani un pettine, cedendo alla richiesta accorata della fata che stava cercando, insieme alle sue compagne, di salvare l’Isolachenoncé. Soop però aveva posto una condizione: desiderava più di ogni altra cosa entrare in possesso di una bacchetta magica. Rani, spinta dall’urgenza, aveva accettato.
Adesso la sirena è tremendamente indispettita, poiché la fata non adempie alla sua promessa; e come potrebbe, visto che solo le fate dei Grandi Desideri possiedono bacchette magiche? Mamma Colomba non vuole che le sue protette volino da loro a cercare una bacchetta, perché teme l’influenza pericolosa che questa potrebbe esercitare sulle piccole abitanti della Radura. La sirena però non ne può più di aspettare, e scatena una tremenda inondazione! Leggi il resto di questo articolo »

Post to Twitter Post to Facebook

Twitter links powered by Tweet This v1.8.1, a WordPress plugin for Twitter.