L’ultima possibilità, Seita Parkkola

L'ultima possibilità

L'ultima possibilità

Un libro che si può riassumere in un’unica parola: riuscito.
“L’ultima possibilità” è un romanzo per ragazzi dai 12 anni in su, fresco e frizzante, scritto molto bene e dai contenuti decisamente interessanti. Una lettura moderna e scorrevole, che mi ha davvero inchiodata alle pagine; un viaggio attraverso un mondo abilmente inventato dall’autrice all’interno di una città reale, dei giorni nostri. Il passaggio dall’adolescenza all’età adulta, tema che nella letteratura per ragazzi è sempre sulla cresta dell’onda, viene affrontato con molto tatto, e allo stesso tempo con decisione. Il protagonista del libro, Borea, si ritrova a dover difendere non solo sé stesso, ma anche e soprattutto i suoi sogni e il suo futuro. Di nuovo, i ragazzi si ritrovano a lottare contro adulti inariditi che sembrano volerli depredare del loro avvenire. E bisogna dire che Seita Parkkola è riuscita a creare un mosaico perfetto, intrecciando l’ avventura e il mistero, e regalandoci una lettura piacevolissima, ben scritta e mai difficile o pesante.

Borea è un ragazzo cosiddetto “difficile”. I suoi genitori, divorziati, sono molto preoccupati per lui, tanto che decidono di seguire il consiglio della nuova fidanzata del padre, Brina Iemalia, consulente educativa, la quale suggerisce di iscriverlo ad una scuola speciale, La Casa delle Possibilità. All’interno di questo istituto vengono mandati quei ragazzi che sono su una cattiva strada, e lo scopo degli insegnanti è riportarli sulla retta via e farne dei cittadini modello.
Borea decide di accettare l’iscrizione alla nuova scuola, ma ben presto si renderà conto di quanto duri e spietati possano essere i metodi educativi applicati. Anzitutto dovrà rinunciare a ciò che ama di più, ovvero il suo skate; piano piano il giovane si vedrà privare anche della sua libertà e della sua dignità. E non è ancora finita…

L’incontro con India, una ragazza bandita dalla Casa delle Possibilità, riaprirà la partita per Borea. India vive insieme ad altri ragazzi, come lei fuggiti dalla scuola e marchiati come casi senza speranza, all’interno di una vecchia fabbrica in rovina. Borea scoprirà presto di avere degli alleati fuori dall’istituto, e si renderà conto anche di poter essere loro molto utile. Dovrà però fronteggiare prove molto dure, tra cui il misterioso allontanamento dei suoi genitori, per poi decidere alla fine da che parte stare. Alla fine, comunque, la posta in palio sarà molto alta: la libertà sua e degli altri ragazzi della Casa delle Possibilità.

Un romanzo avvincente, ricco di scenari accattivanti e personaggi molto ben delineati, il tutto sorretto da una trama ben costruita che non conosce momenti di stallo. Un ottimo libro che può essere apprezzato senza dubbio anche da lettori un po’ più adulti. E chissà, potrebbe risultare d’aiuto per meglio comprendere i nostri ragazzi, ed essere loro di supporto piuttosto che di peso… 😉

Antonella Arietano

Seita Parkkola, “L’ultima possibilità”, Narrativa San Paolo ragazzi, 2011