Riflessioni di una scrittrice esordiente

Scrivere...

Scrivere…

Sono giorni ricchi di riflessione, questi.

L’altro ieri mattina ho ricevuto una proposta editoriale che prevede l’acquisto da parte mia di un certo numero di copie del mio libro, il che comporterebbe una spessa tutt’altro che minima. Ho deciso di rifiutarla. Non farò il nome della casa editrice in oggetto non per vigliaccheria, ma perché non è mia intenzione incoraggiare la polemica su queste pagine: loro sono liberi di chiedere una partecipazione ai costi per la pubblicazione così come io sono libera di non accettare. Non ho potuto verificare sulla mia pelle i servizi offerti da contratto, quindi non posso giudicarli e non lo farò.

Questa vicenda mi ha portata a riflettere sul mio ruolo di scrittrice esordiente, facendo emergere alcune domande che già mi avevano stuzzicata nei giorni precedenti: come faccio a sapere di essere davvero brava? E se i miei lavori non fossero pronti per il mondo dell’editoria? E se tutto sommato mi stessi illudendo? E se, e se, e se…

No, così non sarei arrivata da nessuna parte!

Ad un certo punto ho messo un freno a questo corso di pensieri poco edificanti e altamente tossici ponendomi una semplice domanda, quasi amletica: mi preme di più che il mio romanzo venga stampato o che venga letto? Voglio vederlo sugli scaffali di una libreria o mi basta avere dei lettori da emozionare, dai quali raccogliere pareri e critiche?

Ha vinto la seconda ipotesi: non mi interessa una pubblicazione tanto quanto il piacere di condividere il mio libro.

Intendiamoci, non sto certo dicendo che se domani mi contattasse un editore importante io non fimerei un contratto! Sto solo affermando il mio bisogno di distaccarmi un po’ dalla giungla editoriale per dedicarmi solo e unicamente al piacere di scrivere e di farmi conoscere.

So bene di non essere ancora una scrittrice “completa”, ho molto da imparare e da migliorare, e certo voi lettori potrete aiutarmi! 😉

Ecco perché ho deciso che il mio primo romanzo, “Amber”, diventerà un ebook.

Ancora non conosco le modalità esatte, devo studiare un po’ l’intera faccenda. Nel frattempo, però, voglio incuriosirvi un pochino, perciò se cliccate qui potrete scaricare il prologo e il primo capitolo del mio libro! Un piccolo regalo per i miei affezionati lettori! 🙂

Forse un giorno sarò pronta per la “Grande Editoria”, o forse no. Intanto cerco di farmi strada a modo mio, imparando il più possibile!

Con un sorriso

Antonella Arietano

Tags: , , , , ,

14 Responses to “ Riflessioni di una scrittrice esordiente ”

  1. FIORELLA says:

    Mi piace il tuo spirito intraprendente, propositivo, intelligente…. Tutto nasce da qualcosa che ultimamente, anestetizzati dall’eccesso di tutto, soprattutto immagini, fatica a nascere, crescere, alimentarsi: la passione!. E’ qualcosa che è capace di farci osare, di superare i nostri limiti, di far germogliare laddove c’era solo deserto. Vorrei ci fosse più passione ovunque, soprattutto tra i ragazzi che sembrano incapaci di appassionarsi veramente a qualcosa. Ho letto quanto hai voluto condividere con noi di Amber e, sarà che è un genere che amo tantissimo, mi ha catturato. A questo punto ti dico: converti tutto in formato .lit ed io sarò la tua prima fan! Potrò avere l’onore di avere l’autografo…. sul mio palmare? 😉

  2. Antonella says:

    Cara Fiorella, ti ringrazio moltissimo per il tuo sostegno!
    Trovo che la passione sia il motore che permette alle persone di crescere e di migliorare, e da parte mia ho deciso di far sì che sia sempre ben presente nella mia vita, anche perché vorrei instillare nei miei figli questa consapevolezza, insegnando loro che cosa significhi dedicarsi con amore a qualcosa che piace.
    Sarà mia premura rendere disponibile “Amber” in formato .lit, anzi adesso parto subito con un’ultima revisione e poi via!
    Poi però vorrò la tua recensione! 😉

  3. Marco says:

    Anche io credo che ormai il formato libro si possa ben “superare” con il formato elettronico. E’ vero anche che in questo modo , “tutti” possono scrivere, anche io, e questo anche se piu’ democratico, è meno di qualità. Il tuo stile è fiabesco, forse l’inizio un pò stereotipato, ma fai bene a credere in te stessa e lavorare per migliorare. Credo scriverai pagine emozionanti. E non importa se invece di raggiungere 300.000 lettori, che non sai chi sono, ne emozionerai 200, cresciuti “insieme a te”. Un abbraccio
    Marco

  4. marianna says:

    woooooooooooooow! che bello, lo scarico subito

  5. Antonella says:

    Ciao Marco!
    È vero, il formato digitale facilita la diffusione di opere “discutibili”, ma credo che questo genere di lavori finisca poi nel dimenticatoio, perché tutto sommato se la qualità non c’è il libro non va avanti! Cosa che spero non accada con il mio romanzo… 😉
    Ti ringrazio per la fiducia, che spero non rimarrà disattesa. Hai centrato perfettamemente il punto: il rapporto coi lettori prima di tutto!
    Grazie ancora, e a presto!

  6. Antonella says:

    Ottimo, così poi mi fai sapere! 😉

  7. davide says:

    Brava antonella!!!ottima scelta, qui siamo in 219 a urlare che non paghiamo per scrivere!!!

    http://www.facebook.com/home.php?#!/pages/Non-pago-per-scrivere/243748959955?ref=ts

    un sorriso
    da

  8. Antonella says:

    Eh sì Davide, bisogna imparare a darsi da fare! E rispetto ai nostri colleghi del passato, abbiamo diversi mezzi tecnologici a nostro favore. 😉

  9. Ebe D'Alba says:

    Bello, ho letto le tue pagine scorrevoli ed intriganti, penso proprio che tu possa “andare avanti”, per quanto riguarda la pubblicazione,io dopo ricerca accurata, ho scelto youcanprint: puoi stampare anche una sola copia quindi costa pochissimo, puoi fare il preventivo on line, ho stampato 20 libri ( per gli amici) ma potevo stamparne anche uno solo, conviene più stamparlo da loro che stamparla “in casa” , pensa! E poi hai una bella copertina ( come vuoi tu) epuoi venderlo sia on line che in libreria ( ha il codice ISBN) che volere di più come esordiente? Ciaooooooo e se vuoi vedere il mio : http://www.youcanprint.it/youcanprint-libreria/poesia/souvenir-amore-ebe-alba.html#comments

  10. Antonella says:

    Ciao Ebe, grazie mille per il tuo commento! Sono contenta che ti sia piaciuto il mio lavoro.
    Mi è già capitato di imbattermi in youcanprint, e non nego che l’idea del print on demand mi intriga molto… Certamente renderò noti i miei progressi qui sul blog.
    Intanto complimenti per il tuo libro!
    A presto!

  11. QwertyXD says:

    molto carina l’introduzione, il prima possibile svoglieró tutte le 17 pagine si iBooks e ti daró il mio parere. Saper emozionare con le proprie scritture è un’abilità unica. Soprattutto se si è alle prime armi, e questo mi ricorda la storia di Dorotea De Spirito… ma esco sempre con cose che non c’entrano xD

  12. Antonella says:

    Ciao Qwerty, grazie mille per il tuo interesse! attendo il tuo parere! 😉

  13. QwertyXD says:

    lette tutte! molto bella la storia e sono curioso di sapere come continua.

  14. Antonella says:

    Grazie Qwerty! Vedrò di accontentare la tua curiosità il prima possibile… 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *