Pubblicare un libro (seconda parte)

Scrivere, che passione!

Scrivere, che passione!

Eccoci di nuovo alle prese con la ricerca di una casa editrice per il tuo manoscritto fresco di stampa! La volta scorsa abbiamo visto come sia importante iniziare quest’avventura con il piede giusto, anzitutto revisionando il tuo lavoro e magari chiedendo a persone a te vicine di leggerlo. Poi ti ho parlato brevemente del sito Il Rifugio degli Esordienti, trampolino di lancio ideale perché offre un elenco dettagliato di editori, oltre ad una serie di servizi molto utili per ogni scrittore alle prime armi.  Ti ho anche suggerito di informarti per essere certo che la casa editrice da te scelta pubblichi il genere letterario cui si ispira il tuo romanzo, sottolinenando l’importanza di avviare una campagna mirata allo scopo di sintetizzare i tuoi sforzi in termini emotivi, economici e di tempo. Verificare anche che al momento sia aperta la visione di testi di autori inediti potrebbe essere un’altra buona idea.

Credo sia doveroso da parte mia affrontare una domanda che potrebbe sorgere spontanea: provare o no con case editrici di grosso calibro? La mia risposta è molto semplice: perché no? Chi può dire che il lavoro che hai appena scritto non sia un capolavoro letterario, un colpo di genio? L’unico modo per scoprirlo è tentare, rispettando sempre le modalità sopra descritte, e avvalendosi di ulteriori consigli che andremo a vedere fra poco.

Bene, hai per le mani alcuni indirizzi di case editrici interessanti, come procedere?

Anzitutto verifica che cosa chiedono: vogliono il testo in forma cartacea o digitale? Richiedono il manoscritto integrale o solo i primi capitoli? E’ gradita una sinossi? La spedizione del testo può essere effettuata via mail? Ti assicuro che le richieste dei vari editori possono cambiare di molto tra l’uno e l’altro! Onde evitare di essere cestinati subito vale la pena chiarire questo punto, sbirciando sul sito (molte case editrici hanno una piccola sezione recante le informazioni per gli aspiranti scrittori) o telefonicamente. Evita di prendere per buona l’idea che un riassunto corredato dei primi capitoli sia sufficiente: tieni presente che agli editori i lavori da visionare non mancano, possono anche permettersi di tralasciare il tuo senza prendersi la briga di chiederti la documentazione completa!

Posto che non possiamo sapere che cosa vogliono ricevere le varie case editrici se non chiedendolo alle dirette interessate, vediamo a grandi linee che cosa potrebbe essere utile avere già pronto.
Sicuramente il tuo curriculum vitae aggiornato, nel quale avrai annotato con cura anche tutte le tue eventuali esperienze in campo artistico. Controlla che sia completo di tutti i tuoi dati, compreso un indirizzo di posta elettronica.
Dovrai poi redigere una breve lettera di presentazione, in cui presentarti in due parole. Fatto questo sarà una buona cosa preparare una sinossi.

Come realizzare una buona sinossi? La lunghezza totale non deve superare le 3 cartelle dattiloscritte, e il contenuto, scorrevole e accattivante, deve invogliare alla lettura del romanzo che vuoi presentare.
Anzitutto sarà necessario evidenziare gli elementi caratteristici della tua opera: in che cosa si contraddistingue? Qual è l’idea originale che sta alla base? Che cosa la rende speciale? Fatto questo occorre raccontare esplicitamente tutto ciò che avviene nel corso del romanzo; non lasciare in sospeso il finale, poiché per decidere del destino del tuo manoscritto l’editore deve assolutamente sapere come si conclude il libro! In sintesi, fa’ in modo che la trama sia ben scritta e ben strutturata.
Per finire, puoi descrivere brevemente i personaggi principali del racconto, parlare della tecnica narrativa che hai adottato per redigere il tuo lavoro e proporre alcuni titoli.

Bene, credo tu abbia compiti a sufficienza per ora! Vediamo di riassumere brevemente ciò di cui ti ho parlato nel corso di questo articolo:

  • verifica le modalità di spedizione preferite dalla casa editrice che hai scelto (copia cartacea o digitale, posta elettronica o tradizionale ecc.)
  • scopri che tipo di materiale vuole ricevere l’editore (manoscritto integrale o primi capitoli, sinossi?)
  • prepara la documentazione necessaria: curriculum vitae, lettera di presentazione, sinossi

Ti ho anche spiegato brevemente come deve essere redatta una sinossi. Vediamo i punti salienti:

  • elementi particolari del romanzo, che cosa lo rende speciale?
  • trama sintetica e completa
  • descrizione dei personaggi
  • quale tecnica narrativa hai adoperato?
  • eventuali titoli per il libro

Bene, ti lascio al tuo lavoro! La prossima volta concluderemo questo piccolo vademecum per la ricerca di un editore, nel frattempo… in bocca al lupo, e non perdere mai di vista il tuo obiettivo!

Antonella Arietano

Tags: ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *