Servizi editoriali – Èscrivere

Tempo fa, in un articolo sul self publishing, ti ho accennato al fatto che avevo richiesto una scheda di valutazione per un mio romanzo, dicendo anche che ti avrei fatto sapere come sarebbe andata a finire.

Bene, adesso posso finalmente svelarti a chi mi sono rivolta! 😉

Nelle pagine di questo blog avrai senz’altro già trovato il nome “Èscrivere”. Si tratta di una community che si occupa di diversi aspetti legati all’editoria, tra cui un blog ricco di notizie e articoli utilissimi per gli aspiranti scrittori, recensioni e, appunto, servizi editoriali. Cliccando qui potrai dare un’occhiata alla loro offerta.

Mi sono imbattuta nei servizi editoriali di Èscrivere per caso, anche se non ho potuto non cogliere quanto questa scoperta si fosse presentata al momento opportuno, quando cioè stavo iniziando a valutare la possibilità del self publishing. Ho fatto scorrere la pagina in cui li presentavano e la mia attenzione è stata catturata dalla “Valutazione manoscritti”. Ho guardato il costo del servizio, peraltro piuttosto contenuto, e ho deciso di provare a chiedere un preventivo in base al numero di cartelle del mio lavoro, servendomi a questo scopo del form apposito a fondo pagina.

La risposta di Èscrivere, chiara e concisa, è arrivata in meno di due giorni. Ho chiesto ulteriori delucidazioni, poiché volevo essere certa di aver capito bene il prezzo della valutazione (mi sembrava davvero basso!), e anche in questo caso il riscontro è stato piuttosto celere.

Che dire? Ho proceduto con il pagamento del lavoro e ho inviato il manoscritto all’indirizzo mail indicatomi.

Trascorso un mese esatto ho ricevuto al mia scheda di valutazione. A una prima, rapida lettura mi è sembrata molto dettagliata e curata, composta da sei pagine piuttosto corpose. In seguito mi sono presa il tempo di leggerla meglio e ho potuto verificare l’attenzione che le autrici (ho scelto la variante di valutazione effettuata da due editor) hanno messo nella stesura della stessa.

Una prima parte è dedicata agli elementi formali: viene commentata la scelta del titolo, poi si passa a descrivere lo stile dell’autrice, evidenziando gli errori ricorrenti e gli aspetti da migliorare, dalle “D” eufoniche a eventuali termini adoperati con troppa frequenza. Seguono un commento sui dialoghi, sulla scelta del punto di vista narrativo, sui personaggi, il linguaggio e il ritmo.

La seconda parte è incentrata sugli elementi contenutistici. Le editor commentano anzitutto l’incipit del romanzo (in generale l’inizio è fondamentale per catturare l’attenzione del lettore, ci sono incipit che sono diventati famosi per quanto sono ben scritti), poi l’ambientazione, per dedicarsi in seguito a una dettagliata nota sui personaggi. Si soffermano poi sulla struttura del manoscritto e sulla trama, per offrire quindi un parere sul finale.

La scheda termina con i suggerimenti volti al miglioramento del testo, alla luce di quanto emerso nel corso della valutazione.

Non starò a dilungarmi sul contenuto della mia scheda, ci tengo però a dire che l’ho trovata davvero utile, uno strumento prezioso cui fare capo per poter migliorare il mio romanzo. Per me è stata una rivelazione leggere come due professioniste hanno percepito il mio lavoro: per certi versi mi sono sentita lusingata, per altri punta nel vivo, ma in generale ho dovuto ammettere che quanto da loro rilevato corrisponde a verità. Da sola non avrei mai potuto notare alcuni dettagli che solo un occhio esterno e professionale può cogliere. Dopotutto, proprio per questo avevo deciso di rivolgermi a loro.

La scheda di valutazione mi servirà per rimettere mano al mio lavoro, correggere, rivedere, riscrivere. Ammetto che all’inizio mi sono sentita un po’ scoraggiata di fronte ad alcune annotazioni riferite soprattutto ai personaggi, che implicano modifiche sostanziali, però al senso di frustrazione è seguito il desiderio di cogliere i suggerimenti e migliorare il mio manoscritto che, comunque, è stato giudicato in maniera positiva.

Sono molto contenta di questo esperimento con Èscrivere, ha pienamente soddisfatto le mie aspettative, e ad un prezzo decisamente abbordabile.

Tu hai avuto esperienza di servizi editoriali? Se ti va di condividerla sul blog puoi senz’altro commentare questo articolo, la tua storia potrebbe tornare utile a me e ad altri lettori. 😉

Con un sorriso,
Antonella Arietano

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *