Audiolibri: imparare a realizzarli

Audiolibri: un valido mezzo di comunicazione letteraria

Audiolibri: un valido mezzo di comunicazione letteraria

Ebbene sì, gli audiolibri stanno prendendo piede sugli scaffali delle librerie e sul web: pratici, comodi, nati inizialmente per permettere l’accostamento alla letteratura da parte degli ipovedenti, oggi strumenti ideali anche per chi ama i buoni libri ma desidera sentirseli raccontare piuttosto che leggerli.

Hai mai pensato di trasformare in audiolibro un tuo romanzo nel cassetto? Se sei un autore cui interessa soprattutto far circolare le proprie opere, dando meno importanza al fatto che siano edite da una casa editrice con tutti i crismi, potrebbe essere una soluzione interessante.

L’unica cosa cui occorre prestare attenzione è la qualità. D’accordo, grazie agli strumenti efficaci ed efficienti disponibili gratuitamente su internet (mi viene in mente Audacity, per citarne uno) non è affatto difficile registrare autonomamente qualsiasi file audio. Non sto parlando solo di qualità tecnica, ma anche e soprattutto di qualità artistica: chi leggerà il romanzo è in grado di farlo trasmettendone all’ascoltatore non solo i contenuti, ma anche le emozioni? Come procedere con la lettura? E soprattutto, come siamo messi con la dizione? 🙂

Si tratta di aspetti tutt’altro che trascurabili, credimi. Non è mia intenzione rispondere a queste domande dal momento che non dispongo delle conoscenze tecniche necessarie, posso dirti però che cos’ho fatto io per scoprire se e come sfruttare la risorsa audio per le mie produzioni: ho cercato qualcuno in grado di spiegarmi come fare.

Sono approdata così sul sito di Patrick Facciolo, Parlare al microfono. Patrick è uno speaker professionista, ovvero si occupa di registrare prodotti audio destinati alla televisione, ai media in generale e perché no, anche al web. Dal 2008, inoltre, è conduttore radiofonico presso Radio Italia solomusicaitaliana. Ha avviato questo sito (www.parlarealmicrofono.it) per poter promuovere i suoi corsi di dizione, comunicazione al microfono e public speaking, ma anche per comunicare con gli appassionati di speakeraggio e conduzione radiofonica mediante il suo blog, nel quale offre consigli, spunti, aggiornamenti.

Se quindi stai pensando di trasformare i tuoi scritti in file audio  ti consiglio di dare un’occhiata a Parlare al microfono, se non altro per capire che cosa potrebbe servirti. E poi chissà, potresti scoprire una passione nascosta per lo speakeraggio! 😉

Con un sorriso

Antonella Arietano